When the capital of Tibet was still the mythical «Forbidden City» and Nepal was covered with forests and swamps, when Italy was ruled by the Fascist regime greedily eyeing potential colonial possessions in Asia, a learned and adventurous man was able to enter, alone, where no Western man had set foot before, searching for archaeological treasures from past civilizations.
        03
        Nov

        San Polo dei Cavalieri, where Giuseppe Tucci Lived and Left his Body

        These are the plaques of the library in San Polo dei Cavalieri, near Rome, where Tucci lived his last years together with his third wife Francesca Bonardi. Here in 1984 he left his earthly body.
        (Ph. courtesy Andrea Moi)

        Tucci Garzilli San Polo dei Cavalieri1Tucci Garzilli San Polo dei Cavalieri2.

        27
        Set

        Giuseppe Tucci in Youth Without Youth by F. Ford Coppola: A Must See

        Back in 2007, long before I published the first biography on Tucci, L’esploratore del Duce (1st ed. 2012), I watched the movie Youth Without Youth, written and directed here in Milan by F. Ford Coppola

        I found the film, and still do, to be very moving. It is a reworking of a novel, of the same name, by the Romanian historian of religion, Mircea Eliade. The film features Dominique Matei as its central protagonist (and indeed, the English translation and the introduction of the novel was written by Matei Calinescu) and is a true glorification of the Oriental disciplines. What’s amazing is that the girlfriend of Dominique, after undergoing shock, begins to speak Sanskrit. And who do they call in as an interpreter? Giuseppe Tucci himself—a friend, in real life, of Mircea Eliade.

        In Youth without Youth, Tucci is defined as the highest authority of European Sanskrit and Buddhist philosophy—which indeed was the case. He was also presented as the president of IsMEO—which, though its doors are now shut, was at time of the film (in the mid-to-late 1930s) quite prosperous and active.

        In truth, the founder and president of the powerful institute of IsMEO was Senator Giovanni Gentile, until his murder in April 1944, by a partisan group. Tucci, instead, served as its executive vice president, until his purge and the compulsory administration of the institute, in 1944. In fact IsMEO and Rome had been elected by the Duce as the “spiritual and ideal guide of Italy and the world.” This is the reason why I call Tucci the explorer, scholar and political “Indiana Jones” of Mussolini.

        10
        Lug

        Il Duce's Explorer, Giuseppe Tucci - The Book Cover!

        One could hardly imagine a richer and more exciting life than that of Giuseppe Tucci (1894-1984), a scholar who may rightly be considered one of the fathers of modern Oriental Studies and the central protagonist of Fascist cultural policy in Asia.

        From his first expeditions to the valleys and peaks of the Himalayas and the plains of the Ganges, to his encounters with scholars and leaders such as Gandhi, Tagore, the Dalai Lama, Subhas Chandra Bose, and Giulio Andreotti, to his role as Mussolini’s spokesman in Japan — Tucci’s is a human and intellectual adventure tied inextricably to the history of modern Italy, which he himself helped to forge. An adventure that can now be retraced in the pages of this book.

        Tucci cover Il Duce's Explorer

        19
        Mag

        Todd Portnowitz and the Adventure of Translating "The Adventures of Giuseppe Tucci"

        Enrica Garzilli thangka_with_the_footprints_of_the_third_karmapa__detailI came to translate Enrica Garzilli‘s monumental biography of Giuseppe Tucci through Ann Goldstein, the renowned translator of Elena Ferrante’s work, who mentioned the project to me in January of 2014. Shortly after I was in touch with Enrica, and by March I found myself immersed in a text that covers over 1,360 characters—from poets to politicians, scholars, saints, and spies—and deals deeply with languages and cultures—Tibetan, Nepalese, and Indian above all—that I had little or no knowledge of. Suddenly I was confronted with precise Italian terms for Buddhist and Hindu concepts already foreign to me in English, typing out fifteen-letter words with diacritics I’d never seen. And translating is not simply a matter of converting one language into another, but of infusing the words with context. When the context is a foreign culture (or cultures) the work doubles (or triples!).

        Living in New York City I have the good fortune of being surrounded by museums; since beginning the translation I have twice visited the Asia society, once for an exhibit featuring treasures from a Tibetan monastery, Golden Visions of Densatil, —including the photographs of Pietro Francesco Mele taken while on an expedition with none other than Giuseppe Tucci—and again to see an exhibit of Buddhist sculpture from Myanmar; I made two trips, as well, to the Rubin museum of Himalayan and Indian art in Chelsea. Almost more than to the artifacts my eye was drawn to the title cards, which are a glossary of cultural terms—stupa, thangka, bodhisattva, Vishnuite, Shivaite—and all thankfully used properly (the Buddha is capitalized, other buddhas are not, and so on), which served both as research and to stimulate my interest in the material.

        Il duce's explorer widener libraryGarzilli’s approach is nothing if not exhaustive—her hunt for Tucci’s story brought her to libraries and archives throughout Italy, in Tibet, Nepal, India, London, Washington, Boston and beyond—and to carry that thoroughness over into English has been a large part of my job as a translator. My experience before this project was principally as a poetry translator, where exactitude can often be a matter of creative interpretation and a deep sense of musicality, with room to improvise. In scholarly writing, as I quickly learned, exactitude is exactitude: letting the Latin-rooted verbs wield all their Latin precision; regarding the punctuation with a lawyer’s eye; rendering original quotations without flourish or fancy. The tedium nearly overwhelmed me. I longed for the spaciousness of poetry.

        But then I had a draft of the introduction, which meant I soon had Enrica’s sharp corrections. Her intense queries, her suggestions, her second-guessing of a word choice, a comma, a dash, tightened and improved my sentences. They revived the text. Bearing her counsel in mind, I returned to the translation with a keener sense of the book’s tone and intent, and began to find joy in exactitude. Not only my knowledge of Italian, but as a result of translating Enrica’s work, of corresponding with her over the numerous drafts and revisions, my knowledge of English has grown immensely, the ways the language can be stretched and twisted and coaxed into expressing more, and more precisely.

        palanquin2

        Which is not to say that the book leaves no room for poetry or adventure. Tucci bounds across borders, vacuuming up languages and cultures, speaking boldly before his peers, making enemies and friends with equal vigor. We follow him to Santiniketan, during the early days of Tagore’s Visva-Bharati University. The fascinating world of academia under Fascist rule is revealed, the hoops to be jumped through, the money and promotions to be applied for, the men of power to whom one must appeal.

        Learning of Tucci’s own guru, Carlo Formichi, of his pet mongooses and his absurd palanquin ride up a mountain, was a particular pleasure of translating the first volume. This biography is filled with life and lives, policies and places, it spans the globe, and that Ms. Garzilli has managed to hold it all up on her own is an Atlas-like achievement.

        Todd Portnowitz
        New York, May 19, 2015

        27
        Apr

        Nepal in the Words of Giuseppe Tucci

        Image:

        I have no words to comment tragedy, the terrible earthquake that hit Nepal. I can only tell you what Tucci said on this country:

        Somebody asked me why should we care of Nepal. And I answer: wherever there is a man, just one, there we are, where there is a memory of the past, there we will find a new modulation of the same illusions, a different bringing up to date, although not discordant, of the archetypes of human spirit.

        Giuseppe Tucci

        23
        Apr

        Translating and Translator: Todd Portnowitz and the Italian Translation of Il Duce's Explorer

        This book on Giuseppe Tucci, his first biography and the first reconstruction of Fascist policy in South and East Asia—after the chapter Renzo de Felice dedicated to this topic in his Il Fascismo e l’Oriente (1988) —was originally written in Italian and published in early 2012, then republished with corrections and additions in August 2012, and finally edited once more and published in April 2014. All in Italian.

        image (2)

        Il Duce’s Explorer: The Adventures of Giuseppe Tucci and Italian Policy in the Orient from Mussolini to Andreotti: With the Correspondence of Giulio Andreotti is the English translation of this work. A wonderful English, I believe, for which I give thanks to my translator, Todd Portnowitz. A qualified young professional in love with Italy, an incredible smart and talented guy whose job is just that—to translate Italian into English.

        Todd is a methodical worker and has a keen sense of language and of the beauty of words, a taste and enthusiasm for syntax, meaning, for rendering content in its most elegant form. But Todd is not only that: he is a poet, and what a poet!—as well as a musician and songwriter. His work is excellent, in fact, particularly in capturing Tucci’s own voice, and in translating original documents of the time and literary passages.

        Of course the editing of his translation was no easy task. Todd was not used to the language of history, so distant from poetry, and knew very little about Asia, politics, and the like. Meanwhile, I am as fussy as they come—I want a translation to convey exactly what I mean. Moreover, while I may accept a slight change to my language, as long as the meaning is conserved, in order to adapt it to the English, I demand that all original documents are translated word for word. Mistakes included. That is, I have asked for a diplomatic translation of these passages. Very little or virtually nothing should be left to interpretation, particularly now, at a distance of a few decades, and in this completely different context. We have no right to alter their words, their intentions, their meaning and, if possible, their style.

        Three versions of the text —with minor changes and ameliorations, questions, points of discussion—went back and forth between New York and Milan. And I am very glad that Todd questioned me and my various solutions, that he challenged me, that more often than expected we came to the same conclusion. And that he improved the text. I hope that he learned from me as much as I learned from him.

        This lengthy post is all to say one simple thing: Thank you Todd! I am grateful to you. And I am happy to have chosen you, among many others, to work with. And to have met you here in Milan!

        P.s. You can follow Il Duce’s Explorer: The Adventures of Giuseppe Tucci on Facebook – and in Italian, at Giuseppe Tucci, L’esploratore del Duce. Chat with me on Twitter  or write me on my public page. I can be reached my email at Asiatica Association info_at_asiatica_dot_org

        16
        Apr

        The Adventures of Giuseppe Tucci, the Indiana Jones of Mussolini

        554041_10151489813174745_460085257_nWho can forget the archaeologist and adventurer, Dr. Henry “Indiana” Jones? Well, Giuseppe Tucci was not only a famed archaeologist and adventurer, but a famed scholar, a famed explorer, a famed collector of manuscripts and artworks, a famed spokesman for Mussolini in India, Nepal, and Japan (where his propaganda activity was fundamental to the diplomatic relations that led to the Anti-Comintern Pact, which Italy joined on November 6, 1937), a spy for the Fascist Regime, and for all his life a renowned lady-killer

        And his adventures as a scholar, archaeologist, and president of the Istituto Italiano per il Medio ed Estremo Oriente (Italian Institute for the Middle and Far East - IsMEO, later ISIAO, and now closed) continued beyond the days of Fascism and into the Democrazia Cristiana, the Christian Democracy—a political party co-founded and later led by Giulio Andreotti, who for 37 years supported Tucci’s undertakings.

        Below is an interview I gave to Federico Chitarin, Le imprese di Giuseppe Tucci, l’Indiana Jones di Mussolini, in Memori Mese-Mensile, October 24, 2012. It’s a short biography of Tucci. Happy reading!

        Le imprese di Giuseppe Tucci, l’Indiana Jones di Mussolini

        Esploratore, studioso, archeologo, erudito e anche spia: è Giuseppe Tucci, una figura mista tra eroe cinematografico e astuto diplomatico, principale artefice della costruzione dei rapporti tra Italia e Paesi asiatici nel Novecento, prima per conto del regime fascista e poi sotto le insegne della Democrazia Cristiana. A fare piena luce sulle imprese di questo personaggio importante e al tempo stesso misterioso, finito improvvisamente nel dimenticatoio collettivo dopo la sua morte avvenuta nel 1984, è Enrica Garzilli, autrice dell’inedita e corposa opera “L’esploratore del Duce. Le avventure di Giuseppe Tucci e la politica italiana in Oriente da Mussolini ad Andreotti” edito da Memori-Asiatica Association. “Una figura unica nella storia- afferma l’autrice in un’intervista al giornale on line Memori Mese- non esiste infatti oggi un esploratore, studioso e politico al pari di Giuseppe Tucci, né in Europa né nel resto del mondo, per vastità di operato e per profondità. Con la sua opera ha spalancato le porte della conoscenza dell’Asia all’Europa – e viceversa.” Saggio storico e al tempo stesso romanzo d’avventura, il libro contiene documenti e carteggi inediti (uno su tutti lo scambio fra Tucci e Andreotti), interviste (a Fosco Maraini, allo stesso Andreotti, a Filippani-Ronconi e a significativi personaggi in Nepal e in India) e foto originali. Il testo è già disponibile nelle principali librerie on line, Amazon compresa.
        Chi era Giuseppe Tucci? Da dove nasce l’idea di scrivere un libro sulla sua storia e le sue imprese? Quali caratteristiche ha inteso metterne in risalto? Da che prospettiva?
        La prima idea di scrivere la storia di Giuseppe Tucci (1894–1984) nasce da alcune lettere in sanscrito che lui scrisse al pandit Hem Raj Sharma (1879–1953), precettore reale del Nepal, delle quali sono venuta in possesso tra la fine del 1998 e gli inizi del 1999. Tucci fu l’esploratore dei paesi dell’Himalaya durante il regime fascista e negli anni d’oro della Democrazia Cristiana, quando questi paesi erano ancora vietati agli stranieri, conobbe un gran numero di lingue antiche e moderne, fu vorace studioso e insaziabile collezionista di libri, manoscritti e opere d’arte e reperti archeologici buddhisti, induisti e bon dell’Asia centrale, meridionale e orientale, dall’Iran al Giappone, professore di Lingua e letteratura cinese all’Istituto Universitario Orientale di Napoli e, in seguito, di Filosofie e Religioni dell’India all’Università di Roma, accademico della Reale Accademia d’Italia e promotore della fondazione dell’Istituto Italiano per il Medio ed Estremo Oriente (IsMEO), di cui tenne la presidenza dal 1947 al 1978.
        Alla fine degli anni Trenta fu la punta di diamante della politica di propaganda di Mussolini in Asia, tanto che la sua forte azione culturale fu lo strumento che accompagnò, e talvolta precedette, la diplomazia ufficiale. Fondò il Museo Nazionale d’Arte Orientale e negli anni Cinquanta dette inizio all’archeologia italiana in Asia. Andò in Nepal, primo italiano dopo i missionari del XVIII secolo, e vi compì cinque spedizioni; altre otto ne compì in Tibet. Così, scrivere di lui significa scrivere anche su molte altre figure che incrociò lungo il suo cammino. Per esempio Hem Raj, quello che il grande buddhologo e indologo Rahul Sankrityayan nel 1957 chiamò «l’enciclopedia del Nepal». La sua immensa biblioteca – la più grande biblioteca privata dell’Asia centrale e meridionale –, i suoi insegnamenti, i suoi consigli e la sua mediazione politica furono di indispensabile aiuto a Tucci e ad altri grandi studiosi. E poi Giovanni Gentile e Giulio Andreotti; e Carlo Formichi, suo professore di sanscrito all’università e suo maestro, il premio Nobel Rabindranath Tagore, Sylvain Lévi, William F. Thomas, Rahul Sankrityayan e Vishnu Sukthankar, solo per citarne alcuni – che forgiarono la cultura orientalistica della prima metà del secolo scorso.
        Carlo Formichi, Giovanni Gentile e Giulio Andreotti furono i tre personaggi chiave nella vita di Tucci, senza i quali non avrebbe potuto raggiungere i traguardi che raggiunse. E anche Nobel Rabindranath Tagore e il generale nepalese Kaiser Shamsher Rana. Questa biografia sarebbe incompleta se non incorporasse la relazione che ebbe con personalità che lui conobbe, o che ebbero rapporti decennali con lui, come Gandhi, il XIV Dalai Lama Tenzin Gyatso, Pandit Nehru, Indira Gandhi, Fosco Maraini, Subhas Chandra Bose, Aldo Capitini, Surendra Nath Dasgupta, Mircea Eliade, Julius Evola, Karl Haushofer, Prassitele Piccinini, Pio Filippani-Ronconi e altri, che ebbero un peso non indifferente nel dibattito culturale del tempo e, in molti casi, furono anche protagonisti del dibattito politico e religioso. Oltre che di questi, parlerò di noti intellettuali come Sibilla Aleramo, Mario Carelli, Alexandra David-Néel, Dilli R. Regmi, Rishikesh Shaha e altri, come lo sherpa Tenzing, che entrarono e parteciparono tutti, in vario modo, alla vita di Tucci.
        Giuseppe Tucci fa da ponte tra due lunghe ed importanti fasi della storia italiana.
        Che utilizzo fecero il fascismo prima e la Democrazia Cristiana poi della sua figura? 
        Il fascismo lo usò per la propaganda in Italia e la propaganda in Asia, viste le mire di benito Mussolini sull’India, che voleva diventasse “futuro dominion”. Le sue imprese (le esplorazioni in Tibet, 8 fino al periodo fascista, e 4 Nepal, a caccia di manoscritti, reperti archeologici, staue, thangka cioè rotoli buddhisti dipinti ecc.) davano lustro al Regime in Italia e all’estero. Inoltre Mussolini sin dal 1921 voleva che l’Impero fascista si sostituisse all’Impero britannico in Asia, di cui l’India era il gioiello. Giovanni Gentile, con cui Tucci ebbe stretti rapporti dal 1917-18 al 1944, quando il filosofo fu ucciso, sosteneva la politica personale di Benito Mussolini di mire di conquista in Asia (che differiva da quella cauta verso l’Impero britannico del governo di Mussolini). Se dal 1921 Mussolini aveva in mente di sostituire a livello commerciale il British Raj in India con l’Impero fascista, pian piano in lui si fece strada l’idea di sostituirlo anche a livello coloniale. La sua politica estera guardava ai paesi non occidentali come a paesi di conquista perché erano il naturale sbocco economico degli italiani. Gli italiani portavano sì la loro azione coloniale e “colonizzatrice”; ma, soprattutto, l’Asia e l’Africa rappresentavano un mercato per l’impiego di forza lavoro. Inoltre, i gruppi di italiani leali al regime, se ben inseriti a livello locale, potevano rappresentare comode pedine per controllare la politica estera e fare propaganda. Più generalmente era importante che i fascisti fossero presenti sul territorio straniero. Nel 1936 Mussolini aprì anche The Glance, un giornale a Bombay, per iniziativa di alcuni musulmani, lo finanziò e mise in redazione due gerarchi.
        Il 16 febbraio 1933 Gentile divenne il fondatore e presidente dell’Istituto Italiano per il Medio ed Estremo Oriente (IsMEO, diventato poi ISIAO e ora forse dfinitivamente chiuso), promosso da Giuseppe Tucci e fondato come ente morale alle dipendenze del Duce. Tucci ne divenne vice presidente esecutivo e dopo la morte di Gentile, la chiusura dell’IsMEO e il commissariamento, l’epurazione di Tucci dall’università e la sua reintegrazione, nel 1947 riaprì con Tucci presidente. Andreotti sostenne la reintegrazione di Tucci e la riapertura dell’IsMEO, anche se non ne faceva parte. L’IsMEO accompagnò e sostenne a livello culturale e politico la politica italiana in Asia. Tucci duranre il fascismo fu il principale “esecutore” in loco, nonché rappresentante, di questa politica.  Organizzava anche la propaganda presso gli studenti asiatici in Italia, per cui Mussolini organizzò due sontuose conferenze.
        Come culmine della sua azione politica, agli inizi del 1937 Tucci fu mandato in Giappone come rappresentante del governo per preparare a livello diplomatico e di propaganda l’adesione dell’Italia al Patto Anti-comintern, che anticipò il Patto Tripartito. Dette anche un discorso alla radio recando al popolo il saluto del Duce in giapponese. Il discorso fu trasmesso «fino nel Manciukuò», cioè la Manciuria, lo stato fantoccio riconosciuto da Mussolini e di cui il Giappone aveva riconosciuto l’indipendenza il 15 settembre 1932, garantendosi allo stesso tempo particolari privilegi e, di fatto, mettendolo sotto il proprio controllo. Negli anni antecedenti l’Ismeo e Tucci stesso pubblicavano libri e articoli sul Giappone.
        Con Andreotti Tucci continuò l’attività di politica culturale dell’IsMEO, che divenne l’organo della Track II diplomacy, cioè della diplomazia ufficiosa che accompagna, e spesso precede, l’attività diplomatica ufficiale. Per esempio Andreotti nel 1951 lo portò con sé in una missione ufficiale in Brasile, insieme a Nicola De Pirro, direttore generale dello Spettacolo (con l’intento di fare propaganda per i film italiani). per l’inaugurazione dell’Unione latina per la prima Biennale d’arte contemporanea.
        Nel 1957 Tucci riuscì a inviare una missione culturale dell’IsMEO in Cina, tredici anni prima del ristabilimento delle relazioni diplomatiche tra quel paese e l’Italia. E gli ottimi rapporti dell’IsMEO con la Cina sono continuati per tutto il tempo che è stato aperto l’ISIAO ex IsMEO. Infatti il Dalai Lama, che nel 1948 aveva ospitato Tucci a Lhasa e gli aveva affidato alcuni preziosi testi buddhisti, nel 1973 venne a Roma come profugo: il Vaticano lo ospitò ma Tucci non andò a fargli visita e l’IsMEO non fu coinvolto, probilmente per non scontentare la Cina. Una cosa che fu notata e criticata su vari quotidiani come Il Tempo.
        Che tipo di lavoro di ricerca c’è alla base di questo libro?
        Quali difficoltà ha incontrato?
        Ricerca archivistica specie in India, in Nepal, in Italia, in Inghilterra, in USA, ricerca su fonti e documenti, interviste, ricostruzione della storia non solo di Tucci ma della politica dell’Italia fascista, che era ferma a Renzo De Felice, ricerca di foto originali dell’epoca (anche di Gandhi a Palazzo Venezia a Roma e di Tagore) e disegni delle mappe dei viaggi in India e delle spedizioni, 8 in Tibet e 5 o 6 in Nepal, con l’aiuto di un giornalista inforgrafico, Marco Goldoni. Soggiorni inei paesi visitati da Tucci, Ovviamente, lettura di tutte le circa 350 opere di Tucci  e di una vasta bibliografia commessa. Ho anche ricostruito e incluso la biografia di 1360 personaggi politici, religiosi, culturali o mitologici citati nel libro che ebbero rapporti con Tucci, di cui talvota si sa poco o niente o di cui non si sapevano certi aspetti biografici inerenti al periodo storico.
        Fino ad oggi non esisteva una vera e propria opera monografica su Tucci.
        Che reazione si aspetta dal mondo politico e accademico? Era atteso un testo del genere?
        Questa è la  prima monografia su Tucci e nel 2006  ho anche aperto il primo blog su Tucci. Nel mondo accademico internazionale questo libro era atteso da anni, sapevano che stavo lavorando a questo libro e lo aspettavano. Infatti ci ho lavorato per dieci anni esatti (solo per la ricerca, la scelta e la stesura), più due anni per l’editing e per renderlo fruibile da lettori con interessi per l’avventura, le esplorazioni e la storia. Ho ricevuto aiuti da studiosi, giornalisti, registi, bibliotecari di tutte le parti del mondo (pure da un giudice italiano!) e anche gente qualunque, i cui parenti erano connessi a Tucci: notizie, film, documenti, libri, indicazioni bibliografiche, consigli suggerimenti, informazioni, pagine di giornali d’epoca, foto. Sono tutti citati e ringraziati.
        Che eredità rimane del suo operato?
        Esiste attualmente una figura a lui analoga, chi è il Tucci di oggi? 
        Rimangono le scoperte e le collezioni che ha donato all’Italia; rimangono gli ambiti di ricerca che ha lasciato specialmente nel campo dell’indologia, della tibetologia, della buddhologia, dell’iranistica, della storia e della storia dell’arte; rimangono le missioni archeologiche in Asia, per cui Andreotti disse che Tucci avrebbe meritato il Nobel, se ci fosse stato, e quindi lo stabilimento o il rafforzamento della diplomazia con quei paesi (specie Pakistan Afghanistan e Iran); rimangono le sue opere scritte, le traduzioni, le raccolte, le collezioni, le foto, preziose testimonianze, per esempio, di un Tibet in larga parte distrutto; rimane il Museo Nazionale di Arte Orientale di Roma da lui fondato e recentemente a lui intitolato, e la collezione di foto delle sue esplorazioni e i documentari, nonché alcune ceramiche orientali al Museo di Faenza; rimane la sua immensa biblioteca, donata all’ex IsMEO quindi allo Stato italiano, a tutti noi.
        Ma rimane soprattutto il suo insegnamento, per cui bisogna “abbandonare alle frontiere della [nostra] terra quella boria europea di cui è tanto difficile spogliarsi” e guardare alle altre culture con empatia e rispetto.
        Non esiste oggi un esploratore, studioso e politico al pari di Tucci, né in Europa né nel resto del mondo, per vastità di operato e per profondità. Con la sua opera ha spalancato le porte della conoscenza dell’Asia all’Europa – e viceversa.

        The Author

        Enrica Garzilli Enrica Garzilli is a scholar of classical and modern Asia. Harvard Alumna, she holds a degree in Sanskrit and Indology from the Oriental School in Rome, where she studied with Tucci’s most famous disciples. She has taught in leading Universities, and regularly publishes in national and international newspapers, magazines, and TV.

        Asiatica Association

        For book orders, contact the Asiatica Association.

        Images
        Search
        © Copyright 2012-2015 Enrica Garzilli. All rights reserved.